Twitter Facebook Tumblr

ShareThis

Si è schiavi della parola detta e padroni della parola taciuta.


"Perché c’era qualcosa, tra quei due, qualcosa che in verità doveva essere un segreto, o qualcosa di simile. Così era difficile capire ciò che si dicevano e come vivevano, e com’erano. Ci si sarebbe potuti sfarinare il cervello a cercar di dare un senso a certi loro gesti.

E ci si poteva chiedere perché per anni e anni. L’unica cosa che spesso risultava evidente, anzi quasi sempre, e forse per sempre, l’unica cosa era che in quel che facevano e in quello che dicevano e in quello che erano c’era qualcosa - per così dire - di bello. Non ci si capiva quasi niente, ma almeno quello lo si capiva."

(Alessandro Baricco, Castelli di rabbia)

0 commenti:

Posta un commento